Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Parlamento’ Category

Piero Marrazzo

Un notizia che ha fatto discutere l’ intera penisola italiana è quella relativa alla scoperta dei rapporti tra l’ ex ministro della regione Lazio “Piero Marazzo” e alcuni transessuali. La vicenda è divenuta di dominio pubblico dopo la rapida diffusione di un video compromettente in cui veniva ripreso un trans , una sagoma simile a quella di Marrazzo e un tavolino su cui erano disposti, in un ordine che oserei definire perfetto, due strisce di cocaina, alcune banconote ed il tesserino del politico. Marrazzo dunque viene ricattato della diffusione del video, ed è costretto a rilasciare vari assegni dal valore totale i circa cinquantamila euro. I politici sono divisi, alcuni lo condannano alcuni lo difendono, però vorrei ricordare che in Italia è accettata qualsiasi tendenza sessuale e quindi Piero Marrazzo non ha commesso alcun reato; anzi è stata vittima di un inganno architettato da qualcuno che voleva le sue dimissioni. Molti hanno accusato Piero Marrazzo di non aver denunciato l’accaduto , di fronte a tali accuse sono rimasto indignato in quanto, con po’ di umanità, che evidentemente manca in Italia, si può comprendere che il politico non ha fatto ciò per timore di perdere l’ affetto dei propri cari.

 

La vicenda relativa ha Piero Marrazzo mi ha colpito particolarmente perché mi ha fatto comprendere la malignità di alcune persone che ci circondano, che per denaro o un posto in politica sono anche a distruggere famiglie e persone.

Annunci

Read Full Post »

Berlusconi

Berlusconi

« Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.»

Ciò che vi ho riportato sono le prime righe  dell’ articolo 21 della nostra Costituzione il quale è probabilmente ignorato dal nostro Premier; infatti l’onorevole Silvio Berlusconi pochi giorni fa ha querelato la Repubblica per avergli posto alcune domande a suo giudizio  diffamatorie. I suoi avvocati hanno richiesto un milione di euro a Repubblica per questa “grave mancanza di sottomissione” al Cavaliere. La domanda che porrei al Presidente del Consiglio è se a suo parere i mass-media italiani debbano essere tutti a suo servizio come  quelli su cui  ha già il pieno controllo tra i quali “IL GIORNALE” e “MEDIASET”.  Naturalmente non sono mancate le critiche della sinistra in particolare degli onorevoli Bersani,  Franceschini e Bindy. Io,però, mi soffermerei più  sulle critiche estere; infatti da alcuni anni a questa parte le malefatte del Governo italiano riempiono i giornali di tutto il mondo, ma non  quelli del nostro Paese. Per questo motivo sono “orgoglioso di informarvi” che siamo stati classificati agli ultimi posti a livello mondiale per la Libertà di stampa e io aggiungerei anche per la Democrazia in generale.

Read Full Post »

passa parola 13 07 09

Read Full Post »

maroni

maroni

Tassa sulle badanti prima conseguenza del DDL sul razzismo, chiedo scusa, intendevo DDL sulla sicurezza.

Da settembre , infatti per regolarizzare le badanti  i datori dovranno versare il contributo di cinquecento euro all’ INPS, per le donne comunitarie, e attraverso internet per le extra-comunitarie. Durante la regolarizzazione delle badanti sia i datori di lavoro sia le lavoratrici avranno una sospensione dei propri procedimenti penali e, inoltre, non si potrà avere più di una colf per nucleo familiare e più di due badanti per soggetti affetti da patologie o handicap che ne limitino l’autosufficienza.

Credo che con questa disposizione,che prenderà la forma di un emendamento, Maroni e “la sua gang” vorrebbero da un lato accaparrarsi il denaro dei cittadini e dall’ altro far diminuire il numero di badanti e dunque  di immigrati. Berlusconi è sempre più euforico, o meglio, impaurito dalla Lega , e dunque è deciso ad accettare tutte e proposte di legge dei Leghisti; ma, l’approvazione di questa disposizione,  è stata un gran passo falso nei confronti della politica estera;  infatti,   per questo DDL gli extra-comunitari decideranno di ripiegare in Francia e non credo che Sarkozy ne sarà felice.

Read Full Post »

Il giornale Inglese Guardian ha comunicato una possibile espulsione dell’ Italia dal G8, sostituendo la nostra penisola con la Spagna visto che si è mostrata molto più meritovele ad occupare una posizione di livello internazionale. Questa probabile decisione sarebbe stata presa dalla maggior parte degli esponenti del G8, che hanno reputa inadeguato il comportamento del Governo Italiano per quanto riguarda due aspetti: la crisi economica e le finte promesse del Presidente in tema Abruzzo.

Read Full Post »

Di Pietro

Di Pietro

Il DDL sulle intercettazioni probabilmente andrà in vigore a breve.  Antonio Di Pietro, leader dell’ idV , è ostile a questa proposta di legge e, per tale motivo, disprezza Angelino Alfano,  sostenitore del DDL, e sostiene che il Presidente della Repubblica stia usando <<una piuma d’oca per difendere la Costituzione dall’assalto di un manipolo piuttosto numeroso di golpisti>>.

Dario Franceschini non ha approvato che Di Pietro abbia attaccato il Presidente della Repubblica perché sostiene che il Capo dello Stato abbia svolto un lavoro eccellente fin qui,  e definisce le parole di Di Pietro: <<intollerabili>>.

Di Pietro ha affermato che il leader del PD: «Come al solito, capisce fischi per fiaschi» e sostiene di non aver mai contestato Giorgio Napolitano ma di avergli rivolto una supplica. Ha continuato il  discorso affermando che il suo partito si batterà ancora contro questo DDL e che ricorderà la presa di posizione di  Franceschini per le prossime  elezioni.

Ritengo che tale episodio sia molto grave, non solo per il DDL in sè per sè, ma perché sta a testimoniare la disunione della Sinistra, che invece dovrebbe essere compatta per superare l’ostacolo, ancora invalicabile, della Destra.  A testimoniare il mio pensiero sono le parole dell’onorevole Bondi:<< «È molto importante che l’onorevole Dario Franceschini, a nome del maggior partito di opposizione, abbia preso le distanze in maniera inequivocabile dalle parole dell’onorevole Antonio Di Pietro, e difeso le prerogative e l’indipendenza del Presidente della Repubblica. Speriamo che anche questa vicenda possa aiutare il Partito Democratico ad affrancarsi definitivamente e nettamente dal partito di Di Pietro, che rappresenta ormai chiaramente un movimento politico dai tratti antidemocratici»

Read Full Post »

Luigi Mazzella

Il 6  Ottobre i Magistrati della Corte Costituzionale decreteranno la costituzionalità o meno del Lodo Alfano, legge da cui dipendono le sorti dell’onorevole Silvio Berlusconi. Di solito prima di un processo un magistrato non frequenta mai l’imputato; ma come si dice ogni tradizione è fatta per non essere rispettata, infatti qualche giorno fa il Premier ha avuto il piacere di ospitare nella propria dimora due membri della Corte Costituzionale:  Luigi Mazzella e Paolo Maria Napolitano.

Immediatamente Antonio Di Pietro, uno dei pochi Italiani che ha  il coraggio di contrastare il Premier,ha preso posizione chiedendo le dimissioni dei due giudici e l’ intervento del Capo dello Stato.

Il Presidente della Repubblica ha affermato di non poter intervenire  in quanto è tenuto a non interferire “nella sfera di insindacabile autonomia della Corte”.

Paolo Maria Napolitano

Infine Luigi Mazzella e Paolo Maria Napolitano hanno dichiarato, che pur continuando a frequentare il Premier, sono decisi a non  astenersi dalla seduta della Corte sul Lodo Alfano. Dunque nessun può impedire ai due giudici di frequentare il Primo Ministro e quindi  dobbiamo solo sperare che i Membri della Corte Costituzionale si ricordino che LA LEGGE E’ UGUALE PER TUTTI  e perciò il Lodo Alfano deve essere respinto.

Read Full Post »

Older Posts »